Archive Tellers | Tra archivi e arte contemporanea

on
0

Archive Tellers | Tra archivi e arte contemporanea

Archive Tellers. Racconti di memorie tra archivi e arte contemporanea è un evento espositivo ospitato negli spazi del MAXXI B.A.S.E. Devo essere sincero. Quando mi hanno chiesto di andare a una conferenza sull’ARCHIVIO, la prima cosa che mi è venuta in mente è stata una lunga fila di fascicoli grigi e ordinati destinati a soffocare nella polvere. Ma chi non è curioso non ha avvenire. Lo dicevano Pascal, Einstein e, per i più cinici, anche il Dr. House.  Ed Archive Tellers è stata una splendida sorpresa. Il sorriso della ragazza che accoglie i visitatori all’ingresso inizia a colorare le mie aspettative, e non mi avrebbe deluso. Nella sala i 4 relatori esterni  (tra cui Anna Mattirolo e Paolo Ruffini) sono seduti a 4 tavoli diversi, in mezzo agli studenti del Master In Curatore Museale dello IED. Il pubblico è partecipe al 100%, si siede ed interviene, cammina, si conosce. Tutto è diverso rispetto alle solite conferenze, per un attimo mi sembra di essere al MoMA di New York. La Prof. Viviana Gravano, responsabile dell’evento, mi spiega che “archiviare è l’arte di scegliere e condividere collettivamente quella che è la nostra memoria. L’Archivio non è un luogo chiuso, è di tutti e tutti devono avere il diritto di poter conoscere. A tale scopo abbiamo creato un catalogo multimediale (liberamente consultabile sul sito) contenente tutti i materiali di documentazione. I relatori approfondiscono i diversi aspetti del concetto nelle sue sfaccettature fisiche, mentali ed anche sociali. L’archivio è il mezzo attraverso cui lasciamo la nostra traccia”. Poi torna instancabilmente a fotografare ogni dettaglio della sala, compresa la mia bocca aperta mentre l’artista Elena Bellantoni ci racconta, attraverso il suo piccolo archivio personale, le sue vicissitudini in Patagonia nel tentativo di decifrare la lingua della tribù Anan, un idioma solo fonetico che non hanno mai ritenuto necessario mettere per iscritto. Fino all’8 febbraio avete la possibilità di consultare i 5 libri d’artista realizzati appositamente per il progetto e prodotti dallo IED di Roma, oltre a due interviste audio. Ad essere curiosi si impara sempre qualcosa.
 
 
 
Writer ///  Davide Azzarello
Illustration ///  Andrea Ristaino
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (6 voti)