Nome in codice | XHXIX

on
0

Nome in codice | XHXIX

La sua arte è avvolta nel mistero di un'identità volutamente celata e con forza difesa dalla curiosità dei più. Non è in vendita, ma è a disposizione di tutti. Ci è dato sapere solo che è un lui, che vive in Giappone, che "dipinge" illustrazioni digitali e che, aggiungo io, lo fa in modo tremendamente geniale. Ma in fondo è necessario sapere oltre? O è solo bramosia di sapere?. I suoi soggetti sono ragazzi ritratti con occhio clinico ora nei loro complessi d'inferiorità, ora evidenziando dei piccoli difetti, in una sorta di limbo angosciante e toccante al tempo stesso, enfatizzato dai toni cupi dei colori, carichi di sfumature. L'ispirazione arriva da una nicchia di modelli ricercatissimi nel fashion system, come Jacob Morton: new face richiestissimo nei fashion show di Londra, Parigi e Milano. Cattura le loro foto e le trasforma in arte. Un arte che attinge, inoltre,  da l'"hypperialism", che vanta artisti come Yanni Floros e Audrey Kawasaki, e un vasto range di fotografi moda.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Writer /// Anna Cadeddu

 
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)