Benedetta Montini | Caro Capax Dei

on
0

Benedetta Montini | Caro Capax Dei

Uno spazio vuoto, angusto, un neon che illumina polvere e calcinacci, ed un corpo. La prima mostra personale di Benedetta Montini ha tutti i presupposti per avere un forte impatto emozionale, come la luce di quel neon che apre un varco nel buio. Ventitre autoscatti realizzati nel sottorreaneo del nuovo spazio espositivo dedicato alla fotografia alla Galleria Museo del Louvre di Roma, durante i lavori di ristrutturazione,  a sottolineare la trasformazione, il senso di incompleto e non finito. Un omaggio, quello di Benedetta Montini, alla fotografa Francesca Woodman ed anche una citazione al concetto scultoreo di Michelangelo. Visibile dal 3 al 20 Aprile 2012, Caro Capax Dei "La carne è capace di Dio", un titolo che si traduce in fotografia attraverso il linguaggio del corpo, illuminato dalla debole ma decisa luce del neon, che evidenzia lo sforzo, lo slancio, il movimento del corpo che sembra ribellarsi allo spazio nel quale è costretto; un approccio diverso al nudo, dove all’osservatore resta ciò che la luce non tocca.
 
 
 
 
Writer /// Roberta Solitari
Nessun voto finora
Tag :